top of page

BUONO ATS CELIACHIA: COME FUNZIONA?

Aggiornamento: 13 feb 2023

Ecco tutte le informazioni per ricevere il proprio budget mensile celiachia e usufruirne subito per gli acquisti

La celiachia è un disturbo alimentare che colpisce l’1% della popolazione italiana, nello specifico circa 600.000 persone. Si tratta di una malattia autoimmune che provoca un'infiammazione cronica dell'intestino tenue e la progressiva scomparsa dei villi intestinali. Essa si manifesta nei soggetti geneticamente predisposti in modo differente, a volte con sintomi particolarmente fastidiosi e dolorosi altre invece in modo "silenzioso"... asintomatico. Ad oggi l’unico rimedio per la celiachia è quello di escludere tutto ciò che contiene glutine, come ad esempio pasta, farine, grano, cereali e tutti i prodotti che potrebbero essere contaminati.


I prodotti privi di glutine, come è facile verificare anche nei supermercati, a causa della loro particolare lavorazione hanno un prezzo più elevato rispetto a quelli normali e, proprio per questo, lo Stato eroga un credito spesa dedicato a tutte quelle persone che soffrono di questa malattia ad oggi incurabile.





TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE


Ma come funzionano? Il credito per la celiachia, erogato dalle ATS di residenza e valido per un anno, può essere utilizzato esclusivamente nelle farmacie e nei negozi autorizzati e specializzati in intolleranze alimentari. Naturalmente, è possibile spenderlo tutti in un unico esercizio oppure in diversi negozi o farmacie lungo tutto il territorio regionale.


I tetti di spesa mensili stabiliti dal Sistema Sanitario Regionale per l’erogazione del buono Celiachia variano a seconda della fascia d’età e del sesso.


Gli alimenti erogabili ovvero acquistabili con questo “budget” che viene caricato mensilmente sulla tessera sanitaria, vengono pubblicati ed aggiornati costantemente nel registro nazionale degli alimenti, consultabile sul sito del Ministero della Salute. Generalmente, per riconoscere più velocemente questi prodotti, l’azienda produttrice applica sulla confezione un bollino verde che riporta questa dicitura: “Alimento senza glutine prodotto erogabile - Ministero della Salute - Registro nazionale”.


È possibile verificare il budget mensile disponibile residuo, la scadenza, il pin per poterlo utilizzare e il riepilogo delle spese effettuate direttamente dal proprio Fascicolo Sanitario nella sezione dedicata alla Celiachia sul sito o più comodamente scaricando l’APP.


Le modalità e i tempi di erogazione sono differenti da regione a regione. Fino a qualche anno fa venivano rilasciati in formato cartaceo ma, in alcuni territori, sono stati sostituiti dalla tessera sanitaria. In ogni caso, elettronici o cartacei, i buoni vengono erogati dalla ATS di riferimento alla quale occorre inviare i seguenti documenti:


· La certificazione medica della patologia rilasciata da uno dei presidi accreditati per la celiachia (per il primo accesso)

· La copia della tessera sanitaria in corso di validità

· La copia del documento d’identità.


Questa procedura consente di rilasciare il codice celiachia da parte della ATS di riferimento, un codice numerico (PIN) abbinato alla tessera sanitaria che permette di usufruire dei buoni spesa mensili elettronici. Il credito mensile potrà essere speso in misura graduale e in base alle proprie esigenze, entro il mese di riferimento; dopo la data di scadenza, nel caso in cui ci fosse un residuo non speso, esso verrà azzerato automaticamente.


Per maggiori informazioni e per ricevere i buoni ti suggeriamo di attenerti alle indicazioni contenute nei siti dedicati della tua Regione di appartenenza.


Non sai dove spendere il tuo buono celiachia? Ti aspettiamo da Atelier dell’intollerante con una proposta selezionata di prodotti freschi e confezionati gluten free.

28 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page